Coronavirus, Donzelli (Fdi): anche Parlamento sfrutti tecnologie

Pol/Bac

Roma, 12 mar. (askanews) - In queste ore "il Parlamento non è in condizioni di riunirsi, di discutere e di votare" e "non è mai accaduto nella storia repubblicana: è arrivato il momento di cambiare le prassi parlamentari e di prevedere che commissioni e aula sfruttino le nuove tecnologie per salvare la democrazia: a fermarla non sono riusciti mafia e terroristi, figuriamoci se possiamo permettere che ci riesca il virus". E' quanto afferma in un video pubblicato su Facebook il deputato di Fratelli d'Italia e membro della Commissione affari costituzionali della Camera Giovanni Donzelli.

"Dobbiamo decidere su come rendere possibile di mandare avanti le istituzioni - ha aggiunto - moltissime aziende si stanno organizzando con il telelavoro, facciamolo anche noi parlamentari attivando sistemi di discussione e voto a distanza".

"Svecchiamo i riti e gli usi del Palazzo - ha sottolineato Donzelli - altrimenti, con il Parlamento inutilizzabile, tutta la classe politica, non potendo nemmeno organizzare riunioni e incontri, finisce per stare senza fare niente in un momento di estrema difficoltà per l'Italia".

"Ieri - ha spiegato Donzelli - ci siamo potuti riunire alla Camera e al Senato ma per una sola votazione perché c'era da approvare una misura di emergenza per i provvedimenti sul coronavirus: ci siamo dovuti pure mettere d'accordo prima su quanti di noi e chi entrare in Aula a votare" ma in questo momento, ha concluso, "le commissioni sono tutte sospese".