Coronavirus, dopo la stretta di Johnson anche Londra si svuota

Coronavirus, dopo la stretta di Johnson anche Londra si svuota

Roma, 18 mar. (askanews) – Una Londra insolita e che si inizia a svuotare dopo il cambio di registro con le nuove misure annunciate dal primo ministro britannico Boris Johnson per arginare l’epidemia di coronavirus.

Poche le persone in giro, anche in centro e in luoghi sempre affollati come Trafalgar Square, qualche mascherina e niente traffico. Un volto insolito per la City ma Johnson adesso ha chiesto alle persone di evitare inutili contatti sociali e inutili spostamenti e lavorare il più possibile da casa.

Ai britannici è stato inoltre chiesto di viaggiare all’estero solo se assolutamente necessario per i prossimi 30 giorni, alcune gallerie e musei hanno annunciato la chiusura ma le scuole per ora restano aperte.