Coronavirus, due arresti per corruzione nel torinese

Red/Nes

Roma, 18 mar. (askanews) - Due persone sono state arrestate in flagranza di reato dalla Guardia di Finanza di Torino. L'accusa per un dipendente del Comune di Nichelino, comune della prima cintura torinese e un dipendente di una ditta di pulizia con sede nel torinese è di corruzione. Il loro arresto è avvenuto mentre stavano "intavolando" una trattativa per sfruttare l'emergenza "coronavirus".

I finanzieri hanno sequestrato 8 mila euro in due mazzette, da 5 e 3mila euro, per le procedure di aggiudicazione di contratti per servizi di pulizia.

L'operazione, denominata "LINDA", è stata condotta dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria Torino e coordinata dalla locale Procura della Repubblica.

Tra i servizi oggetto delle "trattative", si annovera, tra l'altro, anche l'affidamento dell'attività di sanificazione e disinfezione di immobili del Comune di Nichelino in relazione all'attuale emergenza sanitaria. (Segue)