Coronavirus, due morti sulla Diamond Princess. Il comandante italiano resta a bordo

Coronavirus, due morti sulla Diamond Princess

Prime due vittime sulla nave da crociera Diamond Princess: si tratta di un uomo e una donna, contagiati dal coronavirus. La nave, da cui ieri sono iniziate le operazioni di sbarco per i passeggeri sani, è ormeggiata nella baia di Yokohama.

VIDEO - La quarantena, cos’è e come funziona

"L'uomo è residente nella prefettura di Kanagawa", ha detto il governatore di questa regione al confine con Tokyo. Le generalità della donna, invece, non sono state rese note. Si tratta dei primi decessi tra le perosne contagiate dal virus sulla nave da crociera (621 in tutto, tra cui 270 giapponesi, 88 americani, 50 canadesi e 48 australiani). Le due persone decedute erano state evacuate l'11 e il 12 febbraio, come ha specificato l'emittente pubblica NHK.

VIDEO - Coronavirus, come ha influenzato lo sport in Cina

Diamond Princess, un volo per rimpatriare 30 italiani

È iniziato, intanto, lo sbarco dei passeggeri dalla Diamond Princess a Yokoama, mentre da Roma è partito il volo militare che riporterà a casa 30 italiani, insieme ad altri 27 europei che erano a bordo della nave. L'aereo partito ieri notte ha invece portato un gruppo di medici per fare i test sui passeggeri, che saranno imbarcati purché negativi al coronavirus.

VIDEO - Giappone, nave da crociera in quarantena

Diamond Princess, il comandante italiano della nave resterà a bordo

L’armatore della nave da crociera ha dichiarato in una nota: "Confermiamo che il Comandante Gennaro Arma rimane a bordo della Diamond Princess a Yokohama, al comando della nave, coordinandosi con i funzionari della sanità pubblica per la sicurezza, la salute e il benessere dei passeggeri e dell'equipaggio. Il Comandante è in buona salute e sta guidando il suo team in questa situazione straordinaria".

"Al momento - si aggiunge - non è disponibile per alcuna intervista. Il Comandante Arma non vede l'ora di tornare presto a casa da sua moglie e dalla sua famiglia. Vi chiediamo di rispettare la privacy della sua famiglia".