Coronavirus, Ecdc: numero test conta ma contagi Italia un mistero

Coa

Roma, 26 feb. (askanews) - Per comprendere le ragioni dell'attuale maggiore diffusione del coronavirus in Italia rispetto agli altri Paesi europei, occorre tenere conto del numero di test effettuati, sebbene le ragioni di questo maggior numero di contagi nel nostro Paese resti un mistero. E' quanto ha lasciato intendere la direttrice dell'Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, Andrea Ammon, durante una conferenza stampa al ministero italiano della Sanità.

"Il virus è piuttosto contagioso e si diffonde velocemente. Inoltre, molti sintomi sono lievi. Bisogna anche vedere quanti test vengono fatti per diagnosticare i casi. Ma se devo dire perché è accaduto proprio in Italia non riesco a rispondere. Sarebbe potuto accadere ovunque, ha detto Ammon, rispondendo a una domanda sul maggior numero di contagi in Italia rispetto ad altri Stati dell'Europa.