Coronavirus, Edimburgo cancella il Fringe Festival

Bea

Roma, 1 apr. (askanews) - La città di Edimburgo ha cancellato per la prima volta in oltre settant'anni il Fringe Festival, il più grande festival di musica, teatro e danza al mondo che ogni agosto riempie di folla la capitale scozzese, nato nel 1947 "ai margini", appunto, del più paludato Edinburgh International Festival.

Per rispondere alla pandemia di coronavirus anche quest'ultimo è stato cancellato, insieme al Royal Edinburgh Military Tattoo, parata militare di Ferragosto al castello di Edimburgo, all'Edinburgh International Book Festival e all'Edinburgh Art Festival. I cinque eventi vedono la partecipazione di 25mila artisti, scrittori, musicisti e performer di 70 Paesi diversi che portano in città cinquemila eventi ai cui assistono 4,4 milioni di persone.

La first minister scozzese Nicola Sturgeon ha detto che le cancellazioni "spezzano il cuore, ma sono la cosa giusta da fare" e ha promesso che i festival torneranno nel 2021.