Coronavirus: emergenza sangue a Palermo, a rischio trasfusioni per talassemici

Coronavirus: emergenza sangue a Palermo, a rischio trasfusioni per talassemici

Palermo, 10 mar. (Adnkronos) – Emergenza sangue all’ospedale Cervello di Palermo dove sono a rischio le trasfusioni per i pazienti talassemici. E’ una delle conseguenze dell’emergenza Coronavirus. Ogni anno, al Campus di Ematologia Franco e Piera Cutino dell’ospedale, si eseguono oltre 6.600 trasfusioni di sangue garantite dai donatori che, con grande sensibilità, altruismo e generosità, consentono ai tanti pazienti talassemici di continuare a vivere. Da circa due settimane, da quando anche a Palermo è arrivato il Covid 19, il numero dei donatori di sangue è calato drasticamente e con le nuove restrizioni rischia di diminuire ancora di più.

"Per i pazienti talassemici la trasfusione è una terapia salvavita senza la quale non possono sopravvivere – spiega Giuseppe Cutino, da sempre impegnato con l’Associazione Piera Cutino nella lotta alla Talassemia – Comprendo, condivido e adotto anche io con scrupolosità le direttive del governo per contenere la diffusione del Coronavirus tuttavia desidero rassicurare tutti i donatori di sangue sul fatto che non si corre alcun rischio recandosi ai Centri trasfusionali. Faccio un appello a tutti i donatori di sangue abituali, ma anche a chi non ha mai donato ed è nelle condizioni di farlo: andate con sicurezza e generosità nei Centri trasfusionali dell’ospedale Cervello e Villa Sofia, ne va della vita di tantissimi pazienti".

L’associazione Piera Cutino ha anche deciso di rinunciare al ricavato della vendita delle colombe pasquali artigianali – acquistate annualmente e rivendute per contribuire alla raccolta fondi da destinare al Campus di Ematologia – per regalarle a tutti coloro che faranno una donazione di sangue in uno dei due Centri trasfusionali. "Un gesto – conclude Cutino – che speriamo possa migliorare la situazione e incrementare le donazioni di sangue per i pazienti talassemici".