Coronavirus, in Emilia-Romagna dematerializzazione ricette rosse

Red/Rus

Bologna, 20 mar. (askanews) - Ridurre il più possibile tutti gli spostamenti, anche quelli da casa all'ambulatorio medico, per scongiurare eventuali occasioni di contatto e contagio. Con questo scopo, e per venire incontro alle esigenze dei cittadini, la Regione Emilia-Romagna, prima a farlo a livello nazionale, ha attivato già da alcuni giorni la ricetta dematerializzata anche per molti farmaci per i quali era prevista sinora quella rossa cartacea. Parliamo dei farmaci "in distribuzione per conto" come, ad esempio, gli anticoagulanti orali prescritti dai medici di medicina generale in base al piano terapeutico dello specialista. "Una misura in più a salvaguardia dei cittadini- spiega l'assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini- che rientra nelle disposizioni urgenti della Regione per ridurre la necessità di spostarsi dal proprio domicilio per ritirare medicinali. Con questo provvedimento abbiamo anticipato quanto è stato definito a livello nazionale e reso applicabile in tutte le Regioni. La priorità, infatti, è quella di limitare al massimo tutti gli spostamenti, riservandoli ai casi di assoluta necessità".(Segue)