Coronavirus, Emiliano: “Invito le famiglie a non mandare a scuola i figli”

coronavirus emiliano

Per arginare l’emergenza coronavirus che si sta diffondendo anche in Puglia, il presidente della Regione Michele Emiliano ha invitato le famiglie a non mandare i figli a scuola. In alternativa, è possibile adottare il metodo della didattica a distanza, per permettere agli studenti di proseguire i loro studi. Nel corso della conferenza nella quale ha spiegato i provvedimenti da adottare per combattere l’epidemia, compare anche questo consiglio. “L’ordinanza ha un periodo di vigore di 15 giorni – ha specificato il presidente della Regione -, verificheremo se sarà prorogata oppure no”.

Coronavirus, l’invito di Emiliano

La didattica è meno importante della salute pubblica – ha detto il governatore della Puglia -, non lo dico io ma la Costituzione italiana”. Michele Emiliano, a margine di una conferenza sull’emergenza coronavirus, ha invitato la popolazione ad attenersi alle ordinanze. Tra i consigli, appare anche un appello particolare. “Invito tutte le famiglie a non mandare a scuola i loro figli a tutela della loro salute perché non siete obbligati a farlo”.

Il presidente della Regione, in una diretta su Facebook, ha poi precisato. “Ho inserito questa disposizione sulle scuole in un’ordinanza. Me ne assumo la responsabilità“. Emiliano ha poi assicurato che “le assenze sono giustificate da parte del presidente che si è preso la responsabilità. Questa facoltà consentirà alle famiglie di giustificare l’assenza con mia ordinanza. Ma soprattutto consentirà a chi deve ricevere queste persone a scuola di avere massima tutela possibile”.

Il presidente della Regione, nella serata di martedì 3 marzo, ha anche ricordato che “nel Nord della Puglia ci sono situazioni che abbiamo difficoltà a controllare” a causa di “un errore commesso nel rilasciare l’autorizzazione ai funerali di un 75enne prima che fosse noto l’esito del tampone svolto sull’uomo per verificare la presenza del virus”. Ma Emiliano ha anche assicurato la popolazione: “Ho chiesto al presidente del consiglio interventi intensivi nel Foggiano – ha dichiarato il governatore -, bisogna agire in fretta“.