Coronavirus, epidemie più lievi in Paesi con uso precoce di mascherine

webinfo@adnkronos.com

Mascherina sì, mascherina no. Nel dilemma sull'utilità reale di questo dispositivo anti-Covid si inserisce un nuovo studio pubblicato sull'American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine. Nei Paesi e nelle aree geografiche che hanno adottato precocemente le mascherine, sono state registrate epidemie di Covid-19 più lievi, secondo una lettera al direttore firmata dai ricercatori della Chinese University of Hong Kong. Insomma, se ancora oggi virologi e medici dibattono sull'efficacia delle mascherine contro Sars-Cov-2, gli studiosi cinesi non hanno dubbi. 

I ricercatori dell'Università cinese di Hong Kong condividono i risultati delle loro analisi sul fatto che l'inclinazione del pubblico a ricorrere alle mascherine potrebbe aver influenzato la gravità delle epidemie di Covid-19 e potenzialmente aver contribuito a contenere i focolai in 42 Paesi di 6 continenti. "In molti Paesi asiatici come la Cina e il Giappone - scrivono gli autori - l'uso di mascherine in questa pandemia è onnipresente ed è considerato una regola di igiene, mentre in molti Paesi occidentali l'utilizzo da parte del pubblico è meno comune". Ebbene, secondo gli autori c'è una chiara correlazione negativa tra la consapevolezza o l'accettazione generale dell'importanza di indossare le mascherine e i tassi di infezione. "Un esempio classico è quello di Hong Kong", ha affermato Sunny Wong, professore associato del Dipartimento di Medicina e terapia dell'Università cinese di Hong Kong. 

"Nonostante la vicinanza" di Hong Kong "alla Cina continentale, il tasso di infezione da Covid-19 è stato generalmente modesto con solo 1.110 casi fino ad oggi. Ciò è correlato a un uso quasi onnipresente delle mascherine in città (fino al 98,8% delle persone intervistate in un sondaggio). Modelli simili sono stati osservati in altre aree asiatiche, come Taiwan, Thailandia e Malesia", testimoniano i ricercatori. Ad oggi, ci sono più di due milioni di casi negli Stati Uniti e più di un milione in Brasile. 

Se gli autori riconoscono che le mascherine sono considerate importanti nel rallentare l'insorgenza delle infezioni da Covid-19, ammettono che è difficile valutare se sia più efficace del lavaggio delle mani o del solo distanziamento sociale. Per Wong, l'uso delle mascherine dovrebbe essere incoraggiato: questi dispositivi "possono aiutare a rallentare la diffusione di Covid-19 e avere un costo relativamente basso rispetto alle risorse sanitarie e bilancio delle vittime associati alla pandemia. Riteniamo che l'uso della mascherine, il lavaggio delle mani e il distanziamento sociale siano tutti elementi importanti fra le misure non farmacologiche contro Covid-19".