Coronavirus, Ermal Meta contro Trump: “Uomo di m****”

ErmalMetatrump

L’emergenza sanitaria scatenata dal Coronavirus ha ormai coinvolto tutto il mondo e una delle notizie circolate in rete ha visto protagonista nientemeno che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il quale avrebbe cercato di ottenere il vaccino per l’America promettendo a un’azienda farmaceutica tedesca un’ingente somma in denaro (l’azienda avrebbe rifiutato). Ermal Meta ha commentato la notizia.

Ermal Meta contro Trump

La politica del Governo Statunitense difronte all’emergenza Coronavirus è stata criticata da molti, e Ermal Meta si è unito al coro. “Che uomo di m***” ha scritto il cantante condividendo con i fan la notizia – circolata su alcuni dei maggiori quotidiani del paese – secondo cui Donald Trump avrebbe provato a chiedere a un’azienda farmaceutica tedesca il vaccino per il Coronavirus in cambio di denaro. La richiesta del presidente non sarebbe andata in porto, e l’azienda avrebbe giustamente replicato che – qualora il vaccino venisse sviluppato – esso dovrà essere diffuso al mondo intero, e non ad un unico stato.

Ermal Meta non è l’unico personaggio del mondo dello spettacolo ad essersi espresso contro il governo degli Stati Uniti: sempre in merito all’emergenza Vasco Rossi ha fatto notare ai fan – con toni sarcastici – che se i contagiati in California fossero risultati pochi è perché lì un tampone costerebbe “solo” 3200 dollari, e cioè circa 3000 euro.