Coronavirus, Eros Ramazzotti: “Siamo visti come un Paese allo sbando”

eros ramazzotti coronavirus

Eros Ramazzotti ha notato come è vista l’Italia dai media internazionali rispetto all’emergenza coronavirus. Il cantante, infatti, ha spiegato che negli Stati Uniti, il nostro Paese è visto come una nazione “allo sbando”. La situazione, rivela con un messaggio su Instagram, è sconcertante. In seguito, inoltre, invita tutti gli italiani a seguire le disposizioni contenute nel decreto del governo.

Eros Ramazzotti: “State a casa”

“Questo è un messaggio per tutti i ragazzi che mi seguono e che hanno preso sotto gamba la situazione”, ha esordito il cantante. “Sarebbe il caso di seguire alla lettera tutto quello che ci stanno dicendo“. Restare in casa, limitare gli spostamenti, mantenere una distanza di 1 metro dagli altri e lavarsi spesso le mani.

Coronavirus, messaggio Eros Ramazzotti

Con un lungo messaggio su Instagram, Eros Ramazzotti interviene sul coronavirus, spiegando come è vista l’Italia dalla stampa estera. “Mi trovo in America da 1 mese – scrive il cantante – e da qui l’impressione è di un paese allo sbando, di gente che si evita come se ci fosse la peste, di ignoranza totale, di cattiveria e razzismo galoppante”. Eros si è definito “veramente scioccato da tutto ciò ma soprattutto da uno stato che non sa gestire una situazione così, che non aiuta il cittadino a capire cosa veramente sta succedendo”. Il consiglio, dunque, è quello di “essere uniti, veri, disponibili e aiutarci l’uno con l’altro perché è l’unico rimedio. Nessuno ci può aiutare più del nostro essere civili e rispettosi con noi stessi. Forza, non abbattiamoci e si troverà una soluzione, ne sono certo”. Infine, conclude con un messaggio forte: “Orgoglioso di essere italiano”.