Coronavirus: Eurofer a Ue, settore a rischio, adattare protezione acciaio all'era post Covid (2)

Coronavirus: Eurofer a Ue, settore a rischio, adattare protezione acciaio all'era post Covid (2)

(Adnkronos) – Pertanto, rilevano gli ad riuniti nell'associazione Eurofer, "invitiamo la Commissione e gli Stati membri a migliorare la proposta e trasformarla in una revisione orientata alla crisi, salvaguardando efficacemente l'industria siderurgica europea. Chiediamo una dimensione della quota esente da tariffe che rifletta le condizioni di mercato effettive. Dovrebbero sfruttare la capacità di adattare le misure a causa di "circostanze mutate". Una mancanza di interpretazione e politica giocherà solo nelle mani degli esportatori di acciaio verso l'UE che sono fortemente sostenuti dai loro governi".

Le quote di importazione, sottolineano, "dovrebbero essere notevolmente ridotte e dovrebbe essere impedito il trasferimento di quote non utilizzate nei quartieri successivi e l'accesso alle quote residue per i paesi con quote proprie".

L'Europa, rilevano, "ha bisogno di un'industria siderurgica sostenibile e resiliente se vuole realizzare gli obiettivi del Green Deal europeo. Il Green Deal – nato prima della crisi – si basa sul mostrare che l'Europa può aprire la strada alla neutralità del carbonio entro il 2050. La produzione europea di acciaio è molto più pulita di quella dei paesi che minacciano di inondare il mercato dell'UE con il loro materiale in eccesso. I produttori di acciaio europei stanno aprendo la strada nel fissare obiettivi ambiziosi per produrre acciaio in modo carbon neutral. Se il settore siderurgico europeo verrà spazzato via dalle importazioni, semplicemente non saremo lì a guidare la riduzione delle emissioni dell'industria siderurgica globale".