Coronavirus, F. Sala: primo punto è garantire liquidità a pmi

Fcz

Milano, 18 mar. (askanews) - Garantire liquidità alle piccole e medie imprese lombarde messe in ginocchio dall'emergenza Coronavirus. E' questo il "primo punto" della scaletta delle priorità che il governo dovrebbe affrontare per limitare gli impatti economici che la diffusione del Covid-19 sta provocando sul sistema delle imprese della Lombardia. Lo ha sottolineato il vicepresidente della giunta regionale, Fabrizio Sala, dicendosi "parzialemente soddisfatto" dei contenuti del decreto "Cura Italia" ma chiarendo che "ci sono alcuni punti che vanno integrati".

Tra questi, ha spiegato Sala in un'intervista a SkyTg24, non c'è soltanto "il ristoro degli autonomi che prevede un indennizzo inferiore al reddito di cittadinanza". La richiesta più urgente è quella di garantire liquidità alla imprese messe in ginocchio dall'emergenza Coronavirus. "Le pmi hanno bisogno di liquidità perchè stanno soffocando e rischiano di portare i libri in Tribunale nei prossimi giorni". Ecco perchè la Regione Lombardia ha chiesto al governo "di togliere tutti i vincoli burocratici per i pagamenti della pubblica amministrazione per fare in modo che i soldi pubblici possano creare liquidità immediata per le nostre imprese".

L'importante, ha detto ancora Fabrizio Sala, è "essere veloci, anche con diversi decreti", perchè "il sistema economico lombardo è per più del 90% composto da pmi". Perciò "va bene l'annuncio del governo su un successivo decreto".