Coronavirus: farmacisti Roma, 'cittadini riportino bombole ossigeno, mancano quelle'

·1 minuto per la lettura
Coronavirus: farmacisti Roma, 'cittadini riportino bombole ossigeno, mancano quelle'
Coronavirus: farmacisti Roma, 'cittadini riportino bombole ossigeno, mancano quelle'

Roma, 9 nov. (Adnkronos Salute) – Da più parti, in Italia, si sta sollevando il problema della carenza di ossigeno nelle farmacie "ma a mancare non è il contenuto bensì il contenitore, le bombole appunto. Questo accade perché i cittadini troppo spesso, dopo l'uso, non le riportano in farmacia, per i motivi più svariati, magari per dimenticanza, magari perché hanno preso una bombola 6 mesi fa, il parente nel frattempo è morto o non ne ha più bisogno e l'hanno lasciata in garage". Lo riferisce all'Adnkronos Salute il presidente di Federfarma Roma, Andrea Cicconetti, che però rassicura: "sicuramente c'è un incremento nell'uso, ma al momento su Roma non abbiamo particolare carenza".

"Ho appena sentito un paio di fornitori di ossigeno, che fabbricano e caricano le bombole – riferisce ancora Cicconetti – i quali mi hanno appunto raccomandato di fare un richiamo dei contenitori alle farmacie, che a loro volta lo faranno ai proprio clienti, a riportare le bombole che hanno in casa nelle farmacie dove sono state prese", conclude.