Coronavirus, Fimmg e CittadinanzAttiva lanciano raccolta fondi

(Segue)

Roma, 16 mar. (askanews) - "Ci chiamano eroi, ma ci voltano le spalle. Intanto molti di noi si ammalano e, purtroppo, muoiono come i medici di famiglia Roberto Stella e Giuseppe Borghi. Ci aiuteremo da soli, ma abbiamo bisogno anche dei cittadini". Così Silvestro Scotti, segretario generale FIMMG, che denuncia il silenzio delle istituzioni aziendali, regionali e governative sulla richiesta dei medici di medicina generale di essere dotati di dispositivi di protezione individuale. Un grido di dolore che FIMMG e CittadinanzAttiva trasformano ora in un appello a tutti i cittadini con una raccolta fondi on-Line.

"Lo stato di salute dei medici deve essere una priorità, così come quella degli altri operatori in prima linea", ha aggiunto Gaudioso. "E, come sappiamo, in questo momento, la prevenzione è l'unica arma a nostra disposizione. I dispositivi sono un bene essenziale per garantire sicurezza a chi si sta spendendo per aiutare i cittadini in questa grande emergenza".