Coronavirus, a Firenze contagiato lavoratore di supermercato

Xfi

Firenze , 25 mar. (askanews) - Un caso di coronavirus al supermercato: si tratta di un lavoratore dell'Esselunga del Gignoro. Secondo quanto ricostruito dall'emittente locale Lady Radio, il dipendente ha accusato la prima febbre il 9 marzo ed è stato subito messo a casa. E i suoi colleghi non sarebbero stati messi subito a casa in via precauzionale e avrebbero lavorato a contatto con il dipendente positivo per 12 giorni. Infatti, il dipendente sembrava stare meglio nei giorni successivi, ma poi la temperatura è salita di nuovo e alla fine sabato 21 marzo è stato sottoposto a tampone. Il responso del test è arrivato domenica,e solo a quel punto è scattato il provvedimento di quarantena. I lavoratori a contatto con il collega contagiato dunque sono rimasti a casa per il periodo necessario a completare i quattordici giorni dall'ultimo contatto con lui, quindi di fatto solo due giorni, domenica e lunedì. Il supermercato non ha mai chiuso. Lunedì sera è stata effettuata la sanificazione dei locali.