Coronavirus, Fnomceo a Fontana: attivare doppio canale per assistenza -3-

Cro-Mpd

Roma, 27 feb. (askanews) - "Sono necessarie nuove risorse dedicate, ma assistere i cittadini si può se si consente ai medici di esercitare un'assistenza in sicurezza - conclude Anelli -. Il momento di emergenza sanitaria, a mio avviso, è un banco di prova da cui si può solo che imparare. I medici stanno già facendo il possibile, ci attendiamo che le istituzioni operino adeguatamente in questa direzione".

"Concordo con il presidente Anelli, occorre ora un aiuto concreto e urgente, che non debba fare i conti con i tempi della burocrazia - commenta il Presidente dell'Ordine dei Medici di Lodi, Massimo Vajani -. Servono tensostrutture dedicate al triage per il Covid-19, sul modello di quanto fatto in altre Regioni. Questo per riattivare i Pronto Soccorso che, come quelli di Codogno e di Casalpusterlengo, sono stati chiusi, e renderli accessibili agli altri pazienti. Dobbiamo potenziare le sostituzioni dei Medici di Medicina Generale, che hanno scelto di trascorrere la quarantena nei loro ambulatori, per poter continuare almeno a fare prescrizioni e triage telefonici. È necessario potenziare gli organici degli ospedali, per dar modo ai colleghi di staccare. Tutti questi medici, ai quali, come Ordine e come Federazione, va la nostra gratitudine, devono essere sostenuti con provvedimenti rapidi ed efficaci".