Coronavirus, Foas Aodi (Amsi): più equità per medici stranieri

Cro/Ska

Roma, 7 mar. (askanews) - "Chiediamo al Governo Italiano più eguaglianza e rispetto dei diritti e doveri per tutti". Cosi Foad Aodi Fondatore dell'associazione medici di origine straniera in Italia (AMSI) e dell'Unione Medica Euro Mediterranea (UMEM) e Amsi e Umem e membro del registro esperti Fnomceo esprime da una parte la soddisfazione per le nuove assunzioni di professionisti della sanità italiani, coinvolgendo i medici giovani e del rafforzamento dell'assistenza sanitaria territoriale, dall'altra parte esprimono la loro indignazione riguardo i muri contro i professionisti della sanità di origine straniera da parte delle istituzioni e governi di Centro Sinistra che non rispondono alle nostre richieste e proposte di coinvolgere tutti i professioni della sanità italiani e di origine straniera. Addirittura hanno paura di coinvolgere i medici stranieri per calcoli politici e elettorali nonostante sia stato dichiarato da tutti compreso l'Amsi che c'è carenza di medici in tutte le regioni italiane .

"Noi continuiamo il nostro impegno a favore di tutti in un momento molto difficile dal punto di vista sanitario e economico ,continuano le nostre conferenze con le comunità straniere per informare e comunicare sul coronavirus ,difendiamo l'immagine dell'Italia all'estero tramite le numerose intervise con Tv ,Radio e giornali europei ,arabi e africani , seguiamo tutta la situazione a livello internazionale con i nostri medici locali .Appunto per questo chiediamo prima di tutto al Governo italiano più eguaglianza e il rispetto dei diritti e doveri per tutti ,chiediamo alla Germania di chiarire la situazione riguardo il paziente 0 ,come mai non e' stato comunicato tempestivamente al Governo Italiano ? Inoltre chiadiamo a Zingaretti e le istituzioni di Sinistra di ascoltare di più e di fare cose di sinistra senza paura e chiusura e buonismo mascherato altrimenti la Sinistra perde la sua originale e storica identità.