Coronavirus, Forza Italia chiede piano per tutelare le imprese

Bar

Roma, 25 feb. (askanews) - Un piano per arginare le conseguenze economiche del coronavirus. Lo ha proposto Forza Italia, nel corso di una conferenza stampa presso la sua sede nazionale di San Lorenzo in Lucina. Gli azzurri, in un documento, parlano di "pubblicità negativa fatta dai media stranieri" sull'Italia, che porterà inevitabili danni al turismo. Ma la proposta che, secondo quanto hanno spiegato gli stessi responsabili del partito di Silvio Berlusconi, include alcune misure già prese in considerazione dal Governo.

Nell'emergenza coronavirus "siamo passati - ha osservato Renato Brunetta - da essere un paese all'avanguardia a essere il contagiato d'Europa. Dobbiamo cambiare la comunicazione, abbiamo forse la migliore sanità del mondo, l'Italia non merita questa gogna". Le proposte di FI si articolano su due direttrici: quelle "per i Comuni coinvolti dal contagio e quelle per i settori economico-produttivi", ha sottolineato. Per i Comuni FI chiede di stanziare "cento milioni dal fondo emergenze per gli indennizzi alle attività colpite dalle misure precauzionali", le coperture, ha precisato ancora Brunetta, "le abbiamo trovate dalla lotteria degli scontrini". Ma nel pacchetto di Forza Italia ci sono proposte di sospensione o riduzione di oneri fiscali e contributivi e dei mutui oltre alla "possibilità di invocare le cause di forza maggiore per le aziende in difficoltà nel soddisfare gli ordini".

L'atteggiamento costruttivo di Forza Italia, "la nostra scelta di non polemizzare non va fraintesa", ha puntualizzato la presidente dei deputati azzurri Mariastella Gelmini. "I dati dell'economia - ha spiegato - erano negativi anche prima del coronavirus e le responsabilità del Governo sono chiare, non c'è nessuno sconto".