Coronavirus, Fraccaro: ok flessibilità, servono politiche anticicliche

Pol/Luc

Roma, 5 mar. (askanews) - "Il Consiglio dei Ministri ha approvato la relazione con la richiesta di flessibilità prevista nel caso di eventi eccezionali come il Coronavirus. Ora sarà sottoposta all'Ue e, alla luce di questa situazione, è evidente che servono politiche fiscali anticicliche ed espansive. Le regole del patto di stabilità vanno messe in quarantena, come Governo dobbiamo attuare ogni intervento possibile a tutela della salute e del tessuto produttivo". Lo dichiara il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Riccardo Fraccaro.

"Senza cedere a catastrofismi, ma con grande senso di responsabilità, stiamo lavorando con l'obiettivo di garantire al più presto il ritorno alla normalità. Non è una sfida semplice ma - aggiunge - siamo un Paese forte che anche stavolta dimostrerà la propria capacità di fare sistema. Serve però piena solidarietà da parte dell'Ue. La richiesta di flessibilità pari a 6,35 miliardi di euro, dopo l'approvazione definitiva da parte del Parlamento, ci consentirà di finanziare le misure necessarie a fronteggiare il Coronavirus: dal rafforzamento del sistema sanitario al sostegno alle imprese, dalle norme a favore dei lavoratori agli aiuti alle famiglie. In totale stanzieremo 7,5 miliardi di euro per raggiungere questi obiettivi. Abbiamo anche rafforzato le risorse a favore della Protezione Civile e previsto lo slittamento del referendum sul taglio dei parlamentari perché la priorità ora è superare questo momento di difficoltà. L'Italia - conclude Fraccaro - continuerà a lavorare con il massimo impegno per contrastare il Coronavirus ma anche l'Europa deve fare la propria parte: le salute dei cittadini e il benessere collettivo vengono prima dei vincoli Ue".