Coronavirus, Fratoianni: da Ue resistenze e condizioni inaccettabili

Rea

Roma, 25 mar. (askanews) - "Europa, non ci siamo. La Germania continua a fare muro sulla possibilità di istituire i Coronabond, e cioè titoli europei, che garantiscano sul debito di tutti gli stati europei, nonostante nove Paesi (fra cui Italia, Spagna, Portogallo e Francia) li chiedano". Lo afferma Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana-Leu.

"E anche la lettera del presidente dell'eurogruppo, Mario Centeno, non va nella giusta direzione - prosegue l'esponente di Leu - perché prevede la possibilità di utilizzare i fondi del Mes, ma con le solite condizioni che conosciamo da anni e che tanti danni hanno già creato. Temo non sia chiaro alla Germania e ad altri interlocutori, che questa è l'ultima chiamata per l'Europa. Se da questa tragedia se ne esce bene e tutti insieme, faremo un passo avanti verso l'unità dei Paesi europei. Altrimenti - conclude Fratoianni - la disgregazione avrà la meglio".