Coronavirus, funziona il farmaco anti artrite sperimentato a Cosenza

coronavirus-farmaco

Nuovi sviluppi sulla lotta al coronavirus arrivano dall’ospedale dell’Annunziata di Cosenza, dove sembrerebbe funzionare la sperimentazione del Tocilizumab: il farmaco anti artrite utilizzato nell’ospedale calabrese per il trattamento dei pazienti affetti da Covid-19. Il medicinale, prodotto dall’azienda farmaceutica Roche e destinato a chi soffre di artrite reumatoide, si è dimostrato infatti efficace per curare le patologie respiratorie di cui sono affetti gli ammalati di coronavirus.

Coronavirus, funziona il farmaco anti artrite

La buona notizia è giunta direttamente dall’ospedale di Cosenza, dove da giorni si sta sperimentando il farmaco Tocilizumab con modalità differenti rispetto al protocollo precedentemente individuato dai ricercatori napoletani dell’Istituto dei Tumori Pascale e dell’ospedale Cotugno. I medici partenopei avevano infatti messo a punto un protocollo per cui il farmaco dovesse essere somministrato per via endovenosa, mentre a Cosenza è stato somministrato per via sottocutanea.

Nell’ospedale cosentino sono al momento sottoposti al trattamento otto pazienti, di cui due ricoverati nel reparto di rianimazione e sei nell’unità operative di malattie infettive. Il farmaco sembra dare attualmente riscontri positivi, anche se per avere delle conferme saranno necessarie le prossime 48-72 ore.

Il commento del professor Ascierto

Nei giorni precedenti, l’utilizzo del farmaco Tocilizumab era stata commentata anche dal professor Paolo Ascierto, direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto tumori Pascale, che aveva dichiarato come il farmaco fosse in via di sperimentazione in vari ospedali d’Italia auspicando una sua imminente diffusione per la cura del coronavirus.

Il professore aveva infatti dichiarato: “Siamo in collegamento con diversi ospedali da nord a sud, ora la sperimentazione si è allargata ad oltre 50 pazienti in tutta Italia. Ieri ho parlato con il dottor Giancarlo Titolo dell’ospedale di Fano, e mi ha detto che degli 11 pazienti (tra Fano e Pesaro), trattati con il farmaco anti artrite, 8 hanno avuto un miglioramento dopo 24 ore”.