Coronavirus, fuori provincia per vedere l'amica di Facebook: denunciati

webinfo@adnkronos.com

Due denunciati perché in cerca di una ragazza conosciuta su Facebook, altri due perché andavano a passare la serata a casa di amici. Sono state decine gli accertamenti dei carabinieri della Compagnia di Pordenone in città e in provincia, dove continuano senza sosta i servizi straordinari, di giorno e di notte, e i controlli quotidiani su tutto il territorio con l'obiettivo di far rispettare i divieti sanciti col Dpcm in vigore per l'emergenza Covid-19 e che anche ieri ha fatto registrare inosservanze per futili motivi, con conseguenti deferimenti all'autorità giudiziaria. 

Tra le scuse più particolari addotte per motivare l'uscita da casa, quella riferita a un equipaggio del Nucleo Radiomobile che ieri, in via Planton, ha fermato un'autovettura con a bordo due cittadini di origine rumena, un 36enne e un 37enne residenti fuori provincia, che si sono giustificati con i militari dicendo di essere venuti in città per conoscere una ragazza conosciuta su Facebook. Per loro sono scattati la denuncia e un foglio di via obbligatorio dal territorio comunale. Un altro episodio con conseguente denuncia risale invece alla sera di domenica, quando una pattuglia dei carabinieri di Casarsa della Delizia (Pordenone) ha fermato per un controllo in via Rimembranza due cittadini pachistani, un 34enne residente nel comune di Pordenone e un 29enne residente in quello di Cordenons, che avevano raggiunto la località del Pordenonese per incontrare e trascorrere la serata con amici. 

L'importanza di rispettare le norme stabilite nel Dpcm - rileva la Compagnia di Pordenone - è basilare per ridurre l'emergenza in corso e la presenza dei carabinieri sul territorio per far rispettare il divieto e scoraggiare quanti ancora non riescono a non uscire di casa senza un comprovato motivo sarà ininterrotta.