Coronavirus: Gallera a Iss, 'introdurre distinzione per casi debolmente positivi'

Coronavirus: Gallera a Iss, 'introdurre distinzione per casi debolmente positivi'

Milano, 22 giu. (Adnkronos) – “Abbiamo chiesto ufficialmente all’Istituto Superiore di Sanità di introdurre una netta distinzione dei casi ‘debolmente positivi’ rispetto agli altri, in base alle nuove rilevazioni effettuate dalla comunità scientifica”. Lo afferma l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, commentando lo studio elaborato da Fausto Baldanti, responsabile della Virologia molecolare dell’Irccs San Matteo di Pavia in relazione alla carica infettiva dei casi ‘debolmente positivi’ al tampone. “In Regione Lombardia – spiega Gallera – i casi ad oggi rilevati rappresentano sempre di più un esito ‘debolmente positivo’: lo studio del professor Baldanti evidenzia che su 274 tamponi ‘Rna Covid’ con queste caratteristiche, solo 8 (il 2,9%) sono risultati in grado di crescere in coltura ed essere, di conseguenza, potenzialmente infettivi”.

Gallera sottolinea che "abbiamo avviato una vasta operazione di screening sierologica alla quale seguiranno tamponi in caso di positività al prelievo ematico. I test vengono eseguiti ai cittadini delle aree più colpite dall’emergenza Covid, ai nuovi ospiti delle Rsa e dei Centri per disabili, alle forze dell’ordine, ai pazienti in fase di ricovero.