Coronavirus, Gallera: restrizioni oggi per evitare peggio domani

Fcz

Milano, 27 feb. (askanews) - "Rallentare la vita sociale è sicuramente un problema anche economico, ma l'abbiamo fatto con un grande senso di responsabilità perché speriamo che intervenire oggi possa aiutarci a uscire al più presto da questa situazione ed evitare magari tra due mesi di trovarci in una situazione ben peggiore di quella di chiudere i bar alle 18 o i cinema e i teatri". Così l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, ha commentato la proposta del sindaco di Milano, Giuseppe Sala, di riavviare le attività culturali di una città messa in ginocchio dalle restrizioni anti coronavirus.

"Era evidente a tutti domenica quando abbiamo fatto l'ordinanza che stavamo chiedendo un sacrificio", ha aggiunto Gallera al termine del vertice in Prefettura con i prefetti delle città lombarde per fare il punto della situazione sull'emergenza Coronavirus. "Appena i nostri tecnici e quelli dell'Istituto superiore di sanità ci diranno che effettivamente si può ricomporre l'aggregazione sociale in modo anche ravvicinato - ha poi assicurato l'assessore lombardo prima di concludere - lo faremo assolutamente".