Coronavirus: Galli, ‘variante già ovunque ma vaccino sarà efficace’

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Bloccare i voli dalla Gran Bretagna è una decisione che mi lascia perplesso. E' come chiudere la stalla quando i buoi sono scappati". Lo dice Massimo Galli in un'intervista al Domani. Per l'infettivologo dell'ospedale Sacco di Milano, la variante britannica del Covid "circola già da settembre in tutta Europa". La notizia dell'alta contagiosità del virus "non deve farci cadere nella depressione, anche perché ci sono buone probabilità che la profilassi in arrivo proteggerà anche contro il ceppo inglese".

"Alcuni dati preliminari - prosegue Galli - fanno ipotizzare che la variante inglese non sia più pericolosa e letale, ma che si diffonda più rapidamente. Questo preoccupa per la tenuta dei sistemi sanitari, ma la capacità del nostro corpo di rispondere all'infezione dovrebbe invece essere la stessa rispetto a quella provocata dal'vecchio' coronavirus. Non sappiamo ancora se questa trasformazione sia davvero influente ai fini della efficacia dei vaccini scoperti finora, che, probabilmente, funzioneranno anche contro la variante britannica".

"E' la prima volta che l'uomo inventa un vaccino per un coronavirus che ha fatto un salto di specie sull'uomo - dice ancora Galli -. Credo che le case farmaceutiche potranno adeguare le loro piattaforme al nuovo ceppo. Quelle già utilizzate per la ricerca e la produzione pensata per la variante che conosciamo già. Si perderebbe qualche mese. Speriamo non sia necessario".