Coronavirus, Gasparri: Fi lavora in Parlamento per emergenza

Pol/Vlm

Roma, 23 mar. (askanews) - "Anche oggi eravamo al Senato, come tutti i giorni, per elaborare misure efficaci e correggere quelle varate dal governo, per affrontare sia l'emergenza sanitaria del coronavirus che quella economica conseguente. Abbiamo sentito esponenti di categorie, imprenditori e lavoratori molto preoccupati. Non basta quello che è stato fatto, serve molto di più. E il Senato, come la Camera, deve lavorare. Forza Italia lo ha chiesto fortemente e dà l'esempio con riunioni e presenze". Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri.

"Domani avremo l'audizione del ministro Gualtieri, al quale diremo chiaramente che non basta quello che è stato fatto e proposto. Poi ci saranno la riunione dei capigruppo e delle commissioni ordinarie. Si comincerà ad esaminare il decreto e venerdì scadrà il termine per gli emendamenti. Mentre chi invoca trattamenti da artista strapagato e personaggi che, casomai esaltati da qualche sostanza stupefacente, dicono di tutto e di più, noi siamo qui a lavorare, ad incalzare il governo. In democrazia contano i parlamenti. È qui che c'è la rappresentanza democratica del popolo italiano e il centrodestra, di cui Forza Italia è una componente fondatrice ed essenziale, oggi è espressione di una prevalente parte di italiani", aggiunge.

"Quindi vogliamo e dobbiamo dire la nostra. Servono fidi per le aziende, interventi per il lavoro autonomo, per il commercio, i professionisti, per il turismo, per i balneari, per tanti pezzi d'Italia. Servono molti più stanziamenti. Il problema non è soltanto prendere misure oggi ma far sì che le imprese possano riaprire e riprendere l'attività domani. Per questo dal Senato, dalle istituzioni, Forza Italia è presente per correggere gli errori del governo e imporre decisioni diverse. E non ci dimentichiamo di chi è in prima linea soffrendo, del personale della sanità e del personale in divisa tutto. Anche a loro va il nostro sostegno concreto", conclude Gasparri.