Coronavirus: Gasparri, 'no politiche clientelari, risorse a sicurezza'

·1 minuto per la lettura
Coronavirus: Gasparri, 'no politiche clientelari, risorse a sicurezza'
Coronavirus: Gasparri, 'no politiche clientelari, risorse a sicurezza'

Roma, 15 nov. (Adnkronos) – “Leggo della decisione di Conte e di Zingaretti, del Pd e dei Grillini, di lasciare 800 milioni di euro a disposizione dei loro parlamentari, perché ovviamente si tratterebbe di un bottino riservato alla maggioranza, per interventi spot, diciamo anche clientelari, in occasione della discussione della legge di bilancio. Premesso che per Forza Italia l'urgenza di ogni decreto, di ogni manovra di bilancio, di ogni provvedimento, è quella di risarcire in maniera rapida e adeguata tutte le attività bloccate dall'emergenza Cinavirus, avanzerò una proposta nei miei gruppi parlamentari: se ci sono 800 milioni a disposizione, invece di spezzettarli in mille rivoli di politica clientelare attuata dai partiti che sostengono il governo, destiniamo tutta questa cifra al comparto sicurezza-difesa". Lo dichiara il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.

"Bisogna rinnovare il contratto del popolo in divisa – rimarca -. Bisogna compensare lo sforzo straordinario che forze di polizia e forze armate stanno facendo sul territorio, per l’ordine pubblico, per il soccorso alla popolazione, per gli ospedali da campo. E poi bisogna avviare a soluzione la questione della previdenza complementare. I giovani che oggi indossano una divisa vanno incontro a un futuro di incertezza, con pensioni miserevoli. Occorre intervenire con strumenti integrativi. Prendiamo questi 800 milioni e destiniamoli al popolo in divisa, decidendo in Parlamento quali debbano essere le priorità. È una scelta che propongo in primis al centrodestra e che proporrò poi in Parlamento. Leggiamo anche in queste ore appelli giusti ma rituali. Le parole senza atti conseguenti sono demagogia e beffa. Fatti non parole”.