Coronavirus, Gb: "Minaccia grave e imminente", 910 morti

Coronavirus, Gb: "Minaccia grave e imminente", 910 morti

Il Coronavirus continua a mietere vittime. Anche più della Sars. Il numero dei morti è salito a quota 910. Nelle ultime ore si sono verificati, inoltre, 60 nuovi casi rilevati sulla nave da crociera ferma nella baia di Yokohama, in Giappone, che portano il totale degli infettati a 130. A bordo della Diamond Princess ci sono ancora 3.700 persone, tra cui 35 italiani, di cui 25 membri dell'equipaggio, incluso il comandante Gennaro Arma.

Da quando è esplosa l’epidemia, le persone contagiate dal virus sono oltre 40mila, con oltre 3.000 nuovi casi segnalati. In Cina si sono registrati 97 nuovi decessi per virus (91 nella provincia di Hubei, la più colpita) portando così il bilancio nazionale delle vittime a 908.

LA MAPPA IN TEMPO REALE DEL CORONAVIRUS

Gb lo dichiara una "minaccia grave e imminente"

Le autorità britanniche hanno dichiarato il coronavirus una minaccia "grave e imminente" per la salute pubblica, dopo che 8 casi sono stati rilevati nel Regno Unito. Il ministro della sanità britannico Matt Hancock ha annunciato che il Regno Unito attuerà misure per "garantire che il pubblico" sia protetto dalla trasmissione di questo virus. Ieri, le autorità sanitarie avevano confermato un nuovo caso di infezione da parte del nuovo coronavirus cinese nel Regno Unito. Il paziente, che si trova nel Royal Free Hospital di Londra, sarebbe stato in contatto con un'altra persona infetta nel paese. Domenica, un aereo è arrivato in una base militare in Inghilterra e ha evacuato più di 200 persone da Wuhan.

LEGGI ANCHE - Coronavirus, negativi due bambini allo Spallanzani

Oms: "Preoccupanti casi tra chi non è stato in Cina"

"Ci sono stati alcuni casi preoccupanti sulla diffusione del 2019nCoV da persone che non hanno fatto viaggi in Cina". Questi casi potrebbero essere "la punta dell'iceberg". A lanciare l'allarme con un tweet il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus, mentre una "missione di esperti internazionali" è partita per la Cina per aiutare il coordinamento della risposta all'epidemia.

Borrelli: “situazione sotto controllo ma guardia alta”

"La situazione è sotto controllo ma non bisogna assolutamente abbassare la guardia": a Circo Massimo, su Radio Capital, il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli fa il punto sulle misure per la gestione dell'emergenza legata al nuovo coronavirus.

Arrivati gli italiani

È atterrato intorno ieri alle 14 all'aeroporto militare di Pratica di Mare l'aereo proveniente dalla base Raf di Brize Norton, nell'Oxfordshire, con a bordo il piccolo gruppo di 8 italiani provenienti da Wuhan, la regione focolaio del coronavirus. Dopo i primi controlli, il gruppo è stato trasferito in pullman all'ospedale militare del Celio, dove dovrà trascorrere il programmato periodo di quarantena. Gli italiani erano arrivati in mattinata in Inghilterra, alla base Raf di Brize Norton, nell'Oxfordshire, a bordo di un aereo proveniente da Wuhan con 200 persone. Dovevano essere on nove, ma Niccolò, lo studente 17enne di Grado, invece è rimasto bloccato in Cina, dato che ha di nuovo la febbre.

LEGGI ANCHE: Wuhan, 17enne italiano pronto al rimpatrio: l'annuncio di Di Maio

Cina: “Italia non adotti misure eccessive” 

"Speriamo che l'Italia possa valutare la situazione in modo obiettivo, razionale e basato sulla scienza, rispettare le raccomandazioni autorevoli e professionali dell'Oms e astenersi dall'adottare misure eccessive". Così, nel briefing online con i media, il portavoce del ministero degli Esteri, Geng Shuang, ad una domanda su possibili incomprensioni tra Italia e Cina sulla chiusura dei voli diretti decisa da Roma.

Presidente cinese Xi si misura temperatura in pubblico

Il presidente cinese Xi Jinping, con indosso la mascherina protettiva, si sottopone per la prima volta in pubblico alla misurazione della temperatura corporea: è accaduto nel pomeriggio in un'ispezione a un centro di prevenzione e controllo nella comunità di Anhuali, nel distretto di Chaoyang, a Pechino. Xi, riferisce la Xinhua, "ha chiesto informazioni su prevenzione e controllo dell'epidemia al suo livello primario e necessità relative alle forniture primarie". In base a un breve video e alle foto diffuse, il presidente si è poi intrattenuto e ha salutato alcuni lavoratori della comunità.

In Cina sono saliti a 27 gli stranieri contagiati 

Sono saliti a 27 gli stranieri in Cina risultati positivi al coronavirus, nel conteggio fatto dalle autorità locali alle 8 (l'1 in Italia). Lo ha riferito il portavoce del ministero degli Esteri Geng Shuang nel briefing online con i media, secondo cui 3 sono stati ricoverati e dimessi, due sono deceduti (un cittadino americano e uno giapponese) e 22 sono i casi di trattamento in isolamento. 

GUARDA ANCHE - Giappone, nave da crociera in quarantena


Il virus sopravvive sulle superfici fino a 9 giorni

Il coronavirus può persistere e rimanere infettivo sulle superfici degli oggetti a temperatura ambiente fino a 9 giorni. È quanto emerso da uno studio pubblicato il 6 febbraio sul Journal of Hospital Infection.
I ricercatori hanno analizzato 22 studi sui coronavirus e hanno rilevato come le basse temperature e l'elevata umidità dell'aria aumentano la durata della vita dell’agente patogeno su determinate superfici come metallo, vetro o plastica. Per eliminare il virus basta detergere i materiali contaminati con candeggina, alcol o acqua ossigenata.