Coronavirus, Gelmini: Coronabond e Mes senza Troika, o Ue muore

Rea

Roma, 25 mar. (askanews) - "La scorsa settimana grandi aperture della von der Leyen e prime mosse corrette della Bce. Poi ieri è arrivata la doccia fredda dell'Eurogruppo. Sintesi? Germania, Olanda e Paesi del Nord da un lato; i Paesi del Sud, Italia compresa, dall'altro. Oggetti del contendere? L'utilizzo dei cosiddetti Coronabond e l'applicazione del Mes senza l'intervento della troika. Il primo gruppo di Paesi dice 'no'; per i secondi, invece, questi strumenti sono indispensabili per immettere liquidità nel sistema e sostenere l'economia continentale alle prese con l'emergenza sanitaria in corso. A questo punto ci aspettiamo che almeno il vertice dei capi di Stato e di governo dell'Ue, previsto per domani, metta una pezza a questo primo fragoroso fallimento europeo dell'era del Coronavirus. O l'Europa dimostra di essere una costruzione istituzionale e finanziaria adeguata a sostenere anche periodi di grave crisi come quello che stiamo vivendo, o muore. Il tempo degli egoismi e dei freddi burocrati è finito. A Bruxelles e a Strasburgo se lo mettano in testa una volta per tutte". Lo afferma in una nota Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.