Coronavirus, Giani: in Toscana un tavolo per emergenza economica

Xfi

Firenze, 3 mar. (askanews) - Legata al coronavirus, "oggi vi è un'emergenza sanitaria, ma vi è un'emergenza altrettanto importante che è quella economica. Dobbiamo istituire un tavolo permanente per fotografare la situazione e individuare le misure per poterne uscire". Lo ha detto Eugenio Giani, presidente del Consiglio regionale e candidato presidente del centrosinistra alla prossime Regionali in Toscana, dopo aver incontrato i rappresentanti delle attività economiche locali. "Soprattutto dobbiamo uscirne insieme. C'è bisogno di coesione. Gli esercizi commerciali, soprattutto nel centro storico di città come Firenze, Lucca o Siena, non possono sostenere gli affitti abituali, per il calo di turisti e quindi di clienti. Il carico non può essere solo sull'esercente che incassa di meno. Dobbiamo tutti -ha proseguito Giani- anche chi ha una responsabilità sul piano della proprietà che affitta questi esercizi, rallentare quelli che sono i termini di pagamento. L'accesso al credito e la situazione finanziaria delle aziende devono essere compresi dalla banche. Dobbiamo attrezzare un piano straordinario di interventi economici che veda la Regione e lo Stato utilizzare tutti gli strumenti a disposizione per affrontare insieme questa situazione, perché ne va del nostro sistema economico. Dobbiamo evitare che le multinazionali o fondi di cui non è ben accertata la derivazione possano intervenire sulle aziende messe in difficoltà. In un momento come questo, nervi saldi per affrontare una situazione di crisi che non può colpire una sola categoria o un insieme di persona. Bisogna uscirne tutti insieme", ha concluso Giani.