Coronavirus in Giappone, donna morta non ha avuto contatti con Cina -2-

Mos

Roma, 13 feb. (askanews) - Sempre oggi è arrivata la conferma del contagio di un tassista di Tokyo (aveva trasportato dei cinesi dall'Aeroporto di Haneda alla città); di un medico di Wakayama per il quale, secondo quanto hanno dichiarato le autorità locali, non ci sono indicazioni di un contatto diretto con cinesi e altrettanto vale per un ventenne di Chiba, vicino a Tokyo, a cui è stata rilevato il contagio.

Intanto il numero dei contagiati nella Diamond Princess è salito ulteriormente a quota 218, portando a più di 250 il numero dei contagiati totali nel Paese. (Segue)