Coronavirus, gli scienziati si esprimono sulla durata delle restrizioni

·2 minuto per la lettura
Coronavirus
Coronavirus

Il 2021 non sarà un anno facile: il Covid continuerà a influenzare le vite di tutti noi. Ad avvertirlo sono gli scienziati i quali affermano che le restrizioni dureranno fino all’anno successivo. Insomma, siamo ancora ben lungi da poter emettere un grido di vittoria contro il coronavirus. Ok ai vaccini, ok alle riaperture, ma la società (e la sanità) hanno ancora molta strada da fare prima di potersi liberare definitivamente dal pericolo. A confermare le previsioni degli scienziati anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Covid, le previsioni degli scienziati per il 2021

Nel 2021 continueremo ancora a combattere contro il coronavirus. Ad affermarlo gli scienziati, che parlano di restrizioni fino all’anno successivo. Il direttore scientifico dell’Inmi Spallanzani di Roma, Giuseppe Ippoliti, ha affermato tramite dichiarazioni riportate dal Mattino: “Non possiamo pensare che torneremo ai sistemi come erano prima”. Il contagio, infatti, “continuerà a tenerci compagnia almeno fino al primo trimestre del 2022, quando finiranno le vaccinazioni”. A parlare della situazione anche il premier Giuseppe Conte. Quest’ultimo, nell’appuntamento di fine anno con la stampa ha dichiarato che lo stato di emergenza causato dal Covid-19 “sarà prorogato sino a quando sarà necessario per mantenere i presidi di protezione civile e tutti i presidi che ci consentono di gestire l’emergenza, dando poteri ai soggetti attuatori”. Anche Angela Merkel parla di un’estensione della crisi fino al 2021.

Ricciardi: “Misure restano fino al 2021”

Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, ha affermato riguardo all’emergenza: “L’inizio della campagna vaccinale non significa che il nostro comportamento cambierà rispetto alla protezione dal Covid: per tutto il 2021 le misure resteranno uguali ad adesso”. Nel frattempo le Regioni hanno chiesto il rinvio dell’apertura degli impianti sciistici al 18 gennaio. Si segnala, inoltre, il via libera al vaccino AstraZeneca nel Regno Unito. Le notizie che arrivano dalla Gran Bretagna purtroppo non sono confortanti: registrato un picco di morti pari a 981.