Coronavirus, in Gran Bretagna oltre 1500 casi e 36 morti

webinfo@adnkronos.com

Le autorità sanitarie britanniche hanno reso noto l'ultimo bilancio della diffusione del contagio da coronavirus. Alle 9 di stamattina, i casi confermati erano 1.543, con 44.105 persone sottoposte a test. I decessi, non confermati dalle autorità sanitarie ma riportati dai media, sono 36.  

Sui media britannici vengono inoltre anticipate le misure nell'ambito del piano in quattro punti ideato dal governo per contrastare l'epidemia di coronavirus. Le persone al di sopra dei 70 anni potrebbero essere costrette a rimanere fino a quattro mesi in autoisolamento e i cittadini rischieranno l'arresto o multe di 1.000 sterline se si rifiuteranno di sottoporsi al test per il coronavirus e all'eventuale quarantena.  

I poteri emergenziali che dovrebbero essere annunciati questa settimana, consentiranno alla polizia di usare una "forza ragionevole" per arrestare le persone che rischiano di infettare altri cittadini. Nel documento denominato 'Health Protection Regulations 2020', pubblicato sul sito del governo, è scritto chiaramente che coloro che sono sospettati di avere contratto la malattia possono essere tenuti fino a 14 giorni in un ospedale controllato o in altro luogo. Di fronte al rifiuto, si rischia l'arresto e il confinamento coatto. Sono previste multe di 1.000 sterline e il carcere in caso di mancato pagamento. 

Le nuove regole indicano anche che i casi sospetti devono essere sottoposti a tampone o ad un esame del sangue, a prescindere dal loro consenso. Inoltre, queste persone dovranno riferire alle autorità spostamenti e contatti avuti in precedenza, col rischio di una sanzione in caso di false informazioni.