Coronavirus, Greenpeace: clima e infezioni viaggiano insieme -5-

red/Mgi

Roma, 17 mar. (askanews) - Il perché lo spiega ancora Ilaria Capua: «Noi viviamo in un ambiente chiuso. Come se fossimo in un acquario. La nostra salute dipende per il 20 per cento dalla predisposizione genetica e per l'80 per cento dai fattori ambientali. La cura deve studiare, oltre all'organismo in questione, anche il contesto». «Non possiamo uscire da questa situazione, da questo dilemma», ricorda Quammen: «Siamo parte della natura, di una natura che esiste su questo Pianeta e solo su questo. Siamo troppi, 7,7 miliardi di persone, e consumiamo risorse in modo troppo affamato, a volte troppo avido, il che ci rende una specie di buco nero al centro della galassia: tutto è attirato verso di noi. Compresi i virus».

In altri termini, possiamo dire che la specie umana ha preso da tempo il "comando delle operazioni" sulla Terra, sottomettendo la natura ad azioni spesso irreversibili; è diventata un "agente di trasformazione", come una forza geologica, tanto che gli scienziati usano il termine "Antropocene" per definire l'epoca attuale. Come sempre accade, a un potere quasi sconfinato - e distruttivo - bisogna sapere associare criteri di responsabilità altrettanto importanti, per evitare che l'impatto di tali trasformazioni sia devastante e si ritorca contro noi stessi. Mettendo a rischio la stessa specie umana. Non stiamo parlando del Pianeta, ma dei suoi abitanti. Di noi e dei nostri figli.