Coronavirus, Gruppo Saviola dona 130mila euro a Asst di Cremona

Coronavirus, Gruppo Saviola dona 130mila euro a Asst di Cremona

Roma, 15 mar. (Adnkronos) – – Una donazione di 130 mila euro per far fronte alle esigenze dell’Ospedale Oglio Po di Casalmaggiore (Provincia di Cremona) che serviranno all’acquisto, in particolare, di ventilatori polmonari, ecografo e altre strumentazioni necessarie per l’emergenza. È il contributo che Gruppo Saviola, realtà industriale nota in Italia e nel mondo per il suo impegno verso l’economia circolare, ha stanziato a favore dell’ASST Cremona.

Nei giorni scorsi, infatti, il direttore dell’ Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Cremona Rosario Canino è stato contattato dal presidente del Gruppo Alessandro Saviola che ha comunicato di voler dare concretamente una mano, attraverso una donazione, alla sanità del territorio in questa situazione di straordinaria emergenza legata alla diffusione del Coronavirus in particolare in Lombardia.

Per questo motivo con la cifra che sarà devoluta dal Gruppo Saviola saranno acquistati in breve tempo strumentazioni fondamentali per prestare le cure necessarie ai pazienti affetti da Covid-19. L’ospedale Oglio Po (che è il presidio più vicino territorialmente a Viadana dove ha sede il principale e più importante dei 13 stabilimenti del Gruppo) è stato in queste settimane adibito nei suoi reparti a supportare tutte le attività necessarie per far fronte all’emergenza.

Un ringraziamento particolare è stato espresso dal direttore generale dell’ASST di Cremona Giuseppe Rossi. “Come ho avuto modo di ripetere da quando sono arrivato all’ASST di Cremona, una delle cose che mi hanno più colpito è stata la generosità di questo territorio; una generosità radicata nel tessuto sociale attraverso l’impegno dei singoli cittadini, delle associazioni e del mondo imprenditoriale. Nell’emergenza tutto questo patrimonio di cura e attenzione verso il bene comune si sono amplificati. L’importante donazione del Gruppo Saviola – conclude Rossi – ci dà la forza per continuare. Oltre all’imprescindibile valore umano, gli effetti benefici che ne derivano sono duplici: il primo è immediato – funzionale ad affrontare la criticità della situazione – il secondo è teso al futuro. Ossia, è finalizzato a consolidare e ripensare l’ospedale in modo più adeguato alle esigenze di salute di un territorio, quello casalasco viadanese, decisamente strategico per l’ASST di Cremona”.

Anche Rosario Canino, direttore sanitario ASST di Cremona esprime un ringraziamento sentito al presidente e a tutti i dipendenti del Gruppo Saviola. “Questo gesto, nato con spontaneità e immediatezza, mi commuove. Viadana è la città dove vivo e l’Ospedale Oglio Po è il luogo dove per anni ho svolto il ruolo di direttore medico, il mio legame con la gente e gli operatori sanitari di queste terre ha radici profonde. Grazie a questa donazione e a quelle che stanno arrivando con altrettanta generosità, l’Ospedale Oglio Po avrà una possibilità concreta di trovare nuova energia e potenziare la sua attrattività”.