Coronavirus, Guerini: grande macchina Difesa lavora ininterrottamente

Mpd
·1 minuto per la lettura

Roma, 29 feb. (askanews) - "La grande macchina della Difesa lavora ininterrottamente ormai da più di un mese. L'organizzazione del rientro dei nostri connazionali, a partire dal 2 febbraio, ha dimostrato una evidente capacità interforze: l'Esercito ha messo a disposizione gli alloggi per il periodo protocollare di osservazione presso la Cecchignola e il Celio, la Marina Militare ha impiegato personale sanitario e l'Aereonautica ha provveduto al trasporto attraverso i propri aerei con gli equipaggi del 14esimo Stormo e con operazioni altamente qualificate, come quelle del bio contenimento". Così, il ministro della Difesa, Guerini, in un'intervista al Cittadino di Lodi. "Oltre 5.000 - aggiunge - sono i posti letto in infrastrutture militari che siamo in grado di fornire su tutto il territorio nazionale, per una eventuale sorveglianza sanitaria. Per quanto riguarda l'impiego dell'Esercito sono 250 gli uomini e le donne presenti nella "zona rossa", per prestare servizio e assistenza ai cittadini. E rassicurare i tanti che si trovano in questo momento in una condizione di disagio. A cui contribuisce il lavoro prezioso di tutte le forze di sicurezza: carabinieri, polizia e guardia di finanza. La forte sinergia che il mio Ministero, quello degli Esteri, della Salute e la Protezione Civile stanno esprimendo in questa circostanza è una sintesi della concreta risposta del sistema Paese fornita ai cittadini".