Coronavirus: Guerini, 'gravissime e inaudite parole Comandante Alfa'

Coronavirus: Guerini, 'gravissime e inaudite parole Comandante Alfa'

Palermo, 21 mar. (Adnkronos) – Parole "Gravissime e inaudite e che condanno con tutta forza, pur se pronunciate da chi è in congedo da anni. Le Forze Armate sono presidio a servizio del Paese e delle sue istituzioni democratiche. Come anche in questa emergenza stanno dimostrando". Così il ministro della Difesa Lorenzo Guerini replica al Comandante Alfa, nome in codice per nascondere la sua vera identità, fondatore dei gruppi speciali del Gis, le teste di cuoio dei carabinieri, da anni in pensione e non più in servizio nell'Arma, sull'emergenza coronavirus. "Non posso più tacere, la rabbia e il dolore sono forti e non voglio e non devo più contenerli. Siamo un paese in emergenza, in guerra – ha detto – Sì in guerra, i decreti non servono più a nulla, sono confusi, servono a indebolirci e non a rinforzarci. Sono pallottole al sale quando metaforicamente servirebbero quelle vere".