Coronavirus, il bilancio dei nuovi contagi: 2.263 casi e 79 decessi

coronavirus-bilancio-contagi

Nel corso della conferenza stampa per la comunicazione dei dati aggiornati sui nuovi contagi per il coronavirus, il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli ha annunciato come il numero dei casi in Italia sia salito a 2.263, ai quali si aggiungono 79 morti e 160 guarigioni complessive. Sempre secondo i dati ufficiali, c’è stato un incremento di 428 casi rispetto al bilancio del 2 marzo, con l’88% dei contagiati di oggi che è situato nelle regioni di Lombardia, Emilia Romagna e Veneto.

Coronavirus, il nuovo bilancio dei contagi

Sempre secondo le informazioni riportate dal capo della Protezione Civile Borrelli, dei 2.263 contagiati del 3 marzo 1.000 si trovano in isolamento domiciliare, 1.034 sono ricoverati in ospedale con sintomi di varia entità mentre 229 sono ricoverati nei reparti di terapia intensiva. Per quanto riguarda i 27 nuovi decessi invece, 17 provengono dalla sola Lombardia, 7 dall’Emilia Romagna, 1 dalle Marche, 1 dal Veneto e 1 dalla Liguria. I pazienti deceduti sono inoltre tutte persone di un’età compresa tra i 55 e i 101 anni.

numero-contagi

Nel corso della conferenza stampa inoltre, il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro ha comunicato la possibilità di estendere la cosiddetta zona rossa anche all’area della provincia di Bergamo: “Stiamo valutando l’opportunità di estendere la zona rossa sulla base di alcuni criteri epidemiologici, geografici e di fattibilità della misura. […] Stiamo analizzando in Lombardia con grande attenzione i nuovi casi dei Comuni della cintura bergamasca e stiamo vedendo con i dati d’incidenza e in base ai tassi di riproduzione del virus”.

Analizzando i dati del 3 marzo possiamo inoltre renderci conto del significativo aumento rispetto alla giornata precedente, con un incremento complessivo del 23% (contando quindi assieme contagi e decessi). I nuovi casi passano infatti da 1.835 a 2.263, mentre i morti salgono da 52 a 79. Aumentano anche le guarigioni, da 149 a 160.