Coronavirus, il falso volantino intestato al ministero dell’Interno

Volantino falso coronavirus

Circola online e in alcune città è stato trovato affisso negli androni dei palazzi e sui muri dei quartieri un falso volantino intestato al Ministero dell’Interno che potrebbe provocare gravi danni contro i vari sforzi messi in atto al fine di contrastare la diffusione del virus.

Attenzione al falso volantino

Rinvenuti falsi volantini su carta intestata al “Ministero dell’Interno”, dove si obbliga i “non residenti degli stabili a lasciare le abitazioni ospitanti per rientrare nel proprio domicilio di residenza”. Una pessima bufala, in questo momento d’emergenza, che potrebbe provocare gravi conseguenze contro i vari sforzi messi in atto al fine di contrastare la diffusione del virus.

A smentire tali volantini ci ha pensato la Questura di Roma attraverso un post Facebook con il quale afferma: “Nella giornata di ieri, 25 marzo, alcuni cittadini hanno rinvenuto e consegnato al commissariato Appio Nuovo alcuni volantini, stampati su carta intestata “Ministero dell’Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza”, riportanti il logo della Repubblica Italiana. Quanto riportato su detti volantini è da ritenersi falso ed ingannevole per la pubblica fede e non deve essere preso in considerazione da chi li dovesse ritrovare, soprattutto laddove “vengono invitati eventuali non residenti degli stabili a lasciare le abitazioni ospitanti per rientrare nel proprio domicilio di residenza”.

Falso volantino intestato al ministero dell’Interno

Comunicato simile è presente anche sul sito della Polizia di Stato, dove si invita le persone a prestare attenzione ai falsi volantini. Ecco il comunicato ufficiale:

“Si è diffuso in questi giorni, in molte province italiane, un volantino falso scritto su carta intestata del “Ministero dell’Interno-Dipartimento della Pubblica Sicurezza”, con il logo della Repubblica Italiana. Il falso volantino, che in alcune città è stato trovato affisso negli androni dei palazzi e sui muri dei quartieri, invita eventuali non residenti degli stabili a lasciare le abitazioni che li ospitano, per rientrare nel proprio domicilio di residenza, perché sarebbe in corso l’attività di controllo delle autorità. Riporta anche l’obbligo di presentare, a richiesta, la documentazione di affitto della casa e i propri documenti con foto.

Vi invitiamo a fare attenzione. Potrebbe essere l’astuta mossa di qualche malintenzionato per entrare nelle le case in questo periodo di emergenza per covid-19. Chiunque si imbatta in simili volantini è pregato di segnalarne la presenza alle Forze di polizia e di non seguire le indicazioni in essi contenute”.