Coronavirus, il farmaco contro la malaria funziona in 3 pazienti su 4: lo studio

Coronavirus, il farmaco contro la malaria funziona 3 volte su 4: lo studio

Dai primi test effettuati sui pazienti positivi al Covid-19 in Europa, l’idrossiclorochina funziona 3 volte su 4. Utilizzato da anni per combattere la malaria, questo farmaco accende la speranza anche per i malati più gravi colpiti dal coronavirus.

I risultati sono stati presentati dal professor Didier Raoult, direttore dell’Istituto ospedaliero universitario “Méditerranée Infection” di Marsiglia. Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica “International Journal of Antimicrobial Agents”, è stato effettuato su 24 pazienti.

VIDEO - Cos’è la sanificazione?

“Il 75% dei pazienti trattati con il Plaquenil, uno dei farmaci a base di idrossiclorochina, secondo l’esperto “dopo sei giorni di trattamento aveva una carica virale negativa”, cioè non aveva più il virus attivo all’interno del proprio corpo.

Se utilizzato insieme all’antibiotico azitromicina (usato per le polmoniti batteriche), inoltre, questo farmaco ha fatto guarire i pazienti in una settimana.

CORONAVIRUS, SEGNALI DI SPERANZA | LE BUONE NOTIZIE

I pazienti trattati in questo modo sono stati confrontati con un gruppo di controllo: il 90% di chi non è stato sottoposto al trattamento “è ancora portatore del virus”.

VIDEO - I passatempi di una volta da riscoprire in quarantena

“Certamente ci sono degli effetti collaterali anche gravi se non si rispetta il dosaggio - ha spiegato Raoult -, ma si tratta di un farmaco che conosciamo bene e sappiamo come utilizzarlo”

Anche l'amministrazione Trump ha approvato l'uso dei farmaci anti-malaria per combattere il coronavirus: lo ha detto il presidente americano parlando nel briefing quotidiano della task foce della Casa Bianca.

“IoRestoaCasa”: APPELLI E CONSIGLI PER AFFRONTARE L’EPIDEMIA

Il via libera della Food and Drug Administration (Fda) riguarda il farmaco della clorochina, utilizzato per la prevenzione della malaria. "Saremo in grado di rendere disponibile questo farmaco quasi immediatamente", ha detto Donald Trump, sottolineando come normalmente per una simile approvazione ci sarebbero voluti mesi. "Ora invece sarà disponibile tramite una ricetta".