Coronavirus, il Marocco vieta l’ingresso a un traghetto italiano

Coronavirus, traghetto bloccato in Marocco

Le autorità portuali del Marocco hanno vietato l’ingresso al porto di un traghetto italiano, per “misura precauzionale contro il Coronavirus“. L’accaduto è andato in scena nella mattinata di mercoledì 26 febbraio.

Coronavirus, Marocco vieta ingresso

Le autorità portuali di Tangeri hanno bloccato l’ingresso al porto di un traghetto italiano. La nave collega Genova alla città marocchina. Quanto accaduto sarebbe una misura precauzionale ordinaria per garantire che non sia segnalato alcun caso di Coronavirus. “Tutte le navi provenienti da paesi in cui sono stati segnalati casi di Coronavirus sono attentamente controllate prima di entrare nel porto. Anche il suo personale, come tutti quelli a bordo, è sottoposto a controlli medici”. La fonte poi precisa che a bordo della nave non è stato rilevato alcun caso di Coronavirus.

I precedenti

Il caso marocchino ricorda quelli della Costa Meraviglia nei Caraibi e della Costa Magica a Santa Lucia. Le persone a bordo della prima non sono state fatte sbarcare in Giamaica. Non hanno poi neanche avuto il permesso di attraccare alle Isole Cayman. Hanno dovuto attendere il via libera del Messico per l’attracco. La nave era salpata da Miami con a bordo 4.500 passeggeri, tra cui anche italiani.

“Come di consueto – spiega Msc – quando una nave sta per attraccare in porto durante una crociera, il comando nave deve segnalare alle autorità sanitarie locali competenti qualsiasi tipo di malattia rilevata a bordo”. Il comandante aveva quindi segnalato che un membro dell’equipaggio aveva l’influenza. Tuttavia le autorità di Giamaica e Cayman hanno impedito l’ingresso.