Coronavirus, il Papa invoca la Madonna: liberaci del pericolo

Ska

Città del Vaticano, 11 mar. (askanews) - "Sotto la Tua protezione cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio. Non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, e liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta". Così Papa Francesco ha concluso la preghiera alla Madonna per la situazione del coronavirus.

La diocesi di Roma, di cui il Papa è vescovo, ha indetto oggi una giornata di preghiera e di digiuno per l'Italia e per il mondo. Culmine di questa giornata la Messa, presieduta dal cardinale Angelo De Donatis, vicario del Papa, presso il Santuario della Madonna del Divino Amore senza la presenza dei fedeli per motivi di sicurezza e in diretta televisiva. La celebrazione è stata preceduta da un videomessaggio di Papa Francesco.

"Maria", ha detto il Papa, "tu risplendi sempre nel nostro cammino come segno di salvezza e di speranza. Noi ci affidiamo a te, Salute dei malati, che presso la croce sei stata associata al dolore di Gesù, mantenendo ferma la tua fede".

"Tu, Salvezza del popolo romano, sai di che cosa abbiamo bisogno e siamo certi che provvederai perché, come a Cana di Galilea, possa tornare la gioia e la festa dopo questo momento di prova".

"Aiutaci, Madre del Divino Amore, a conformarci al volere del Padre e a fare ciò che ci dirà Gesù, che ha preso su di sé le nostre sofferenze e si è caricato dei nostri dolori per condurci, attraverso la croce, alla gioia della risurrezione. Amen".

Durante l'omelia, il cardinale De Donatis ha detto: "Siamo qui con tanta fede ma anche con tanta angoscia. Ci consola il sapere che anche il Signore Gesù ha provato l'angoscia". La celebrazione odierna, presieduta dal cardinale vicario per la diocesi di Roma, è stata trasmessa su Tv2000 e sulla pagina Facebook della diocesi di Roma. Con la Messa di oggi si è inaugurata la celebrazione eucaristica quotidiana delle 19.00. La diocesi di Roma ha inoltre lanciato una raccolta fondi straordinaria a sostegno di medici, infermieri, operatori sanitaria.