Coronavirus: il report, 4,2 mld per ricoveri 'non Covid' persi

·2 minuto per la lettura
Coronavirus: il report, 4,2 mld per ricoveri 'non Covid' persi
Coronavirus: il report, 4,2 mld per ricoveri 'non Covid' persi

Roma, 20 nov. (Adnkronos Salute) – Mentre si accumulano gli arrivi in ospedale di pazienti positivi a Covid-19, 'spariscono' quelli che avrebbero bisogno di cure per altre terapie. L'impatto economico della pandemia da Covid-19 legato alla perdita dei ricoveri programmati annullati o posticipati al fine di rispondere all’emergenza (circa 1,1 milioni di ricoveri di cui quasi 700.000 per interventi chirurgici) è infatti aumentato, "passando da 3,3 miliardi di euro nella prima ondata pandemica a 4,2 miliardi attuali". È quanto emerso dalla 29.esima puntata dell’Instant Report Covid-19 dell'Alta scuola di economia e management dei sistemi sanitari (Altems) dell'Università Cattolica.

Si stima inoltre che il costo totale a livello nazionale relativo alle 262.645 giornate di degenza in terapia intensiva fino al 16 novembre (dati Ministero della Salute) sia di 374.269.125 (con un costo giornaliero medio di 1.425 euro). Il 32% di questi costi è stato sostenuto in strutture ospedaliere della Lombardia.

I fondi per la sanità sono stati incrementati per sostenere gli interventi di contrasto alla pandemia. In particolare, sono stati stanziati oltre 5,5 miliardi in più di quanto previsto a inizio anno: il 44% per l’assunzione di personale, il 31% per tecnologie, posti letto e interventi di edilizia ospedaliera, il 22% per il ricorso a privati, il 2,5% per la sanità militare e lo 0,24% per altre spese (per esempio, le indagini di siero-prevalenza). Mentre il costo complessivo dei casi Covid-19 stimato per il Ssn (soggetti guariti o deceduti) va da un minimo di 930 milioni (dato a marzo) a un massimo di 3.791 milioni a metà novembre.

L’analisi riguarda tutte le 21 Regioni e Province Autonome con un focus dedicato alle Regioni in cui è stato maggiore il contagio (Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna, Marche e Lazio). Il gruppo di lavoro dell’Università Cattolica, è coordinato da Americo Cicchetti, ordinario di Organizzazione aziendale all’Università Cattolica, con l’advisorship scientifica di Gianfranco Damiani e Maria Lucia Specchia del Dipartimento di scienze della vita e sanità pubblica.