Coronavirus, il veterinario: nessun timore per micio o fido -2-

Mpd

Roma, 27 feb. (askanews) - "Purtroppo la paura fra coloro che vengono in ambulatorio è tantissima - riferisce il dottor Larosa - più per loro stessi che per i loro animali. Spesso sono alla ricerca di mascherine chirurgiche o disinfettanti vari. Cerco di tranquillizzarli. Dicendo loro che ogni anno vi è una enorme quantità di decessi per la classica influenza. Che il Covid19 è molto contagioso e, mancandoci l'immunità di gregge, perché nuovo per il nostro sistema immunitario, ci mettiamo più tempo per produrre le difese individuali".

"Riguardo le aree di isolamento e le varie restrizioni che possono mettere in ansia le persone, dico che è giusto porle in essere, non per la elevata pericolosità del virus, ma per il fatto che se aumentassero tanto gli infetti, che nel 15% dei casi hanno necessità di essere ricoverati, non avremmo letti sufficienti nei vari ospedali per curare i tanti ammalati. Vista l'alta velocità di contagio meglio essere cauti e prendere delle precauzioni senza allarmarsi o far incetta di alimenti, mascherine o disinfettanti vari", conclude.