Coronavirus, imprenditore salva l’azienda dal fallimento: la sua idea

coroanvirus azienda fallimento

L’emergenza coronavirus ha regalato moltissime storie all’Italia: racconti di speranza, di persone che guariscono dalla malattia nonostante l’età avanzata. Racconti di famiglie che riscoprono la bellezza di stare insieme durante il periodo di isolamento. Storie d’amore di coppie costrette a vivere a distanza, senza vedersi o toccarsi, per colpa di un virus invisibile ma facilmente trasmissibile. La storia di Matteo Bacci è speciale: la sua azienda stava andando in fallimento a causa del coronavirus, ma grazie a un’idea particolare l’imprenditore è riuscito a salvarla.

Coronavirus, azienda verso il fallimento

Matteo Bacci è un imprenditore di un’azienda di Pisa, la Speziali Laurentiani di Lorenzana: a causa del coroanvirus, però, si è trovato sull’orlo del fallimento. “Ero disperato – ha raccontato in un’intervista per Repubblica -, noi lavoriamo soprattutto per rifornire di prodotti cosmetici alcune navi da crociera, ma hanno annullato tutti gli ordini, siamo arrivati a zero”. Infatti, la sua azienda si occupava della produzione di cosmetici per la distribuzione sulle navi da crociera. In seguito allo scoppio dell’epidemia di Covid-19, però, moltissime compagnie di navigazione hanno annullato i viaggi. La domanda è crollata e Matteo è stato costretto a licenziare due dipendenti e non rinnovare il contratto ad altri due. Un fallimento, prima che economico, legato soprattutto all’ambito psicologico.

Quando stava per toccare il fondo, però, l’imprenditore ha avuto un grande idea che avrebbe potuto lanciare sul mercato per tentare di arginare la caduta dell’intera azienda. Con questa speranza Matteo ha riconvertito la produzione creando un gel igienizzante per la mani a base di rosmarino. In piena epidemia da coronavirus, infatti, questo prodotto, insieme a mascherine e guanti, è tra i più richiesti sul mercato.

Non solo, quindi, l’azienda è riuscita a rialzarsi, ma Matteo ha anche concluso alcuno accordi. “Ho appena raggiunto un accordo con una grossa società toscana per produrre un milione e mezzo di pezzi. Siamo pieni di richieste: dalle forze armate alla grande distribuzione. Pensi che le macchine erano ferme e che adesso faremo anche il turno di notte per venire incontro ai bisogni”.

Come è nata l’idea?

Matteo ha dovuto rispolverare alcune competenze farmaceutiche per inventare questo prodotto che gli ha permesso di salvare la sua azienda. “Nella mia famiglia abbiamo dei farmacisti e degli agricoltori – ha raccontato -. Abbiamo rispolverato la formula del gel igienizzante in chiave agri cosmetica. Impieghiamo l’acqua aromatica di rosmarino al posto dell’acqua distillata sfruttando le proprietà disinfettanti di questa pianta”.