Coronavirus, in Russia due donne fuggono dalla quarantena

Une della donne russe fuggite dalla quarantena

Le hanno già definite le “fuggitive”. Due donne russe che si trovavano in isolamento per una possibile infezione da coronavirus, dopo un viaggio a Hainan, sono fuggite dai rispettivi ospedali (a Samara e a San Pietroburgo) per le pessime condizioni in cui versavano le strutture e per la paura di essere realmente contagiate.

LEGGI ANCHE: Oms, “minaccia peggiore del terrorismo”

Scene da film d’azione: una donna è scappata dalla finestra, l'altra ha manomesso una serratura elettronica. Poco dopo la fuga, le due donne hanno postato un selfie (con tanto di mascherina) sui propri profili Instagram, raccontando le rispettive storie.

GUARDA ANCHE - Le epidemie più recenti del millennio


Guzel Neder

Con il nickname Guzel Neder, la prima fuggitiva ha raccontato sui social di essere arrivata all'ospedale di Samara perché il figlio ha avuto tosse e febbre al rientro da un viaggio di famiglia in Cina. La 34enne e il piccolo sono stati sottoposti a vari test e messi subito in quarantena in attesa degli esiti. Ma i giorni passavano e il risultato non arrivava così, quando la donna ha cercato di ricevere spiegazioni, avrebbe riscontrato solo ostruzionismo da parte del personale medico. 

Guzel era inoltre preoccupata perché il personale sarebbe andato nell'area di isolamento senza maschere e avrebbe gettato gli indumenti protettivi sul pavimento. Il dottore, interpellato dal marito della donna, ha detto che madre e figlio dovevano essere trattenuti per 14 giorni anche in caso di test del virus negativo. E così è scattata la fuga. "Non c'era uscita per noi se non quella di lasciare l'ospedale senza autorizzazione, attraverso la finestra", ha detto Guzel. La donna è stata interrogata dalla polizia, ma non sono state mosse accuse nei suoi confronti. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, "a rischio il 60% della popolazione mondiale"

Alla Ilyina

L'altra donna fuggita, Alla Ilyina, 32 anni, ha scritto in un post su Instagram di aver avuto mal di gola per diversi giorni dopo il ritorno da Hainan. Ha quindi chiamato i servizi di emergenza e i medici l'hanno portata alla clinica Botkinskaya per i test del coronavirus, promettendo di lasciarla andare dopo 24 ore. Il giorno dopo le è stato comunicato l'esito negativo, ma è stata trattenuta in quarantena per due settimane. "Tutti e tre i test hanno dimostrato che ero completamente in salute, quindi perché diavolo dovevo sottopormi alla quarantena?", ha commentato la donna, che ha poi detto al giornale Fontanka che la sua stanza di isolamento era terribile: niente libri, niente shampoo, niente wi-fi, un cestino della spazzatura mai stato svuotato. 

SFOGLIA LA GALLERY: Shangai è una città fantasma

Alla Ilyina è riuscita a scassinare la serratura magnetica ed è scappata.  “La nostra Costituzione ci garantisce la libertà. Non capisco perché dovrei stare in una gabbia in ospedale”, ha raccontato al Moscow Times. “Prima ho disegnato una mappa e fatto un piano dettagliato. Quando è calata la sera e il personale medico ha abbassato la guardia, ho messo in cortocircuito la serratura magnetica nella mia stanza di contenimento e ho aperto la porta. Ho studiato fisica, il che mi ha aiutato”, ha spiegato al quotidiano della capitale russa.

GUARDA ANCHE - Cos’è l’OMS?