Coronavirus, India sempre più in emergenza

·2 minuto per la lettura
covid india morti
covid india morti

Nella giornata di venerdì 21 maggio in India si registrano oltre 4.000 morti per il covid, per il secondo giorno consecutivo. La variante indiana sta mettendo in ginocchio l’intero paese da settimane, e sale quasi a 30 milioni il numero di casi accertati dall’inizio della pandemia. Allarme per il “fungo nero”: pericolosa per i diabetici e chi abusa di steoridi.

Covid in India, oltre 4mila morti in un giorno

Il covid continua a mietere morti in India. Nella giornata di venerdì 21 maggio si registrano 4.194 decessi nel paese, e il numero supera nuovamente la soglia dei 4mila per il secondo giorno consecutivo.

I dati dell’ultimo bollettino sono inquietanti. Oltre 257mila nuovi contagi, e per il ministero della Sanità indiana attualmente il numero dei contagi totali dall’inizio della pandemia si aggira intorno ai 30 milioni, con circa 300mila decessi giornalieri, 100 mila in meno rispetto al mese precedente, ma comunque allarmanti.

India, i dati sui morti di Covid

I casi attivi sono 2.923.400, ma per fortuna aumenta anche il numero di guarigioni che si attesta attorno ai 24 milioni. Se è vero che pr il secondo giorno cosnecutivo si registrano oltre 4.000 morti, per il terzi giorno invece il computo dei nuovi casi nons cende sotto i 300mila.

India, non solo morti di covid: allarme per il “fungo nero”

In India la situazione riamne drammatic non solo per il covid. Negli ultimi giorni tra i pazienti affetti dal virus è stato rilvato anche il “fungo nero”, una malattia causata dall’esposizione a un gruppo di muffe dei mucormiceti dall’alto tasso di mortalità e che può provocare mutilazioni ai pazienti sopravvissuti.

Sono stati confermati al momento circa 5000 casi, ma la cifra potrebeb salire esponenzialmente nelle prossime ore, data la velocità di proliferazione dle fungo nei pazienti covid.

Solo lo stato del Maharashtra ha registrato 1500 casi di mucormicosi e 90 decessi. Per questo motivo il ministero della Salute federale ha quindi esortato gli stati a dichiarare la malattia come un’epidemia, al pari del coronavirus.

Secondo gli esperti, questo fungo causerbbe un annerimento intorno al naso e colpirebbe i pazienti diabetici, oltre che essere legato all’uso non regolamentato di steroidi. In Idia infatti la magguior parte dei farmaci come gli steoridi sono venduti in farmaci, senza particolari ricette.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli