Coronavirus, INMI e Fondazione Roma insieme per la ricerca

Cro-Mpd

Roma, 10 mar. (askanews) - L'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive "Lazzaro Spallanzani" e la Fondazione Roma annunciano una partnership che permetterà, grazie al contributo di 500.000 euro erogato dalla Fondazione Roma, di realizzare presso il complesso ospedaliero di Via Portuense una nuova struttura dedicata allo studio delle caratteristiche biologiche, della risposta immunitaria e del trattamento del virus SARS-CoV2.

"Grazie al contributo della Fondazione Roma - così il Direttore Scientifico dell'INMI Giuseppe Ippolito - potremo utilizzare innovativi modelli di colture tridimensionali, che ci permetteranno di bypassare la sperimentazione animale e di accelerare in questo modo lo studio della risposta del sistema immunitario umano al virus SARS-CoV2, e dell'interazione dei farmaci candidati al trattamento della malattia COVID-19".

"La collaborazione con la Fondazione Roma - ha commentato Marta Branca, Direttore Generale dell'INMI - ci permette di rafforzare la nostra vocazione di struttura dove i risultati della ricerca hanno una ricaduta immediata sul miglioramento delle terapie: un percorso che dai laboratori dei nostri ricercatori conduce a risultati concreti utilizzabili dai nostri medici a beneficio dei pazienti, in un corto circuito virtuoso che è l'essenza stessa del nostro ruolo di IRCCS, Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico".

(Segue)